Analisi Lingue

    I verbi modali in tedesco

    Introduzione

    I verbi modali sono una categoria di verbi che servono ad aggiungere informazioni complementari al verbo principale, generalmente riguardo la potenzialità, doverosità o volontà di compimento di un'azione.

    Non si frappongono preposizioni tra il verbo modale e l'infinito del verbo principale. Nel caso del tedesco, quindi, non si mette "zu".

    In tedesco, "il verbo modale" si dice "das Modalverb -en".

    I verbi modali tedeschi sono: "dürfen", "können", "mögen", "müssen", "sollen" e "wollen".

    La loro coniugazione è irregolare. In questa pagina saranno fornite le coniugazioni complete solamente del presente indicativo, mentre per le altre coniugazioni sono presenti a fondo pagina le tabelle deduttive.

    Il presente dei verbi modali

    Presente indicativo di "dürfen", "können" e "mögen"
    Soggettodürfenkönnenmögen
    ichdarfkannmag
    dudarfstkannstmagst
    er/ sie/ esdarfkannmag
    wirdürfenkönnenmögen
    ihrdürftkönntmögt
    sie/ Siedürfenkönnenmögen
    Presente indicativo di "müssen", "sollen" e "wollen"
    Soggettomüssensollenwollen
    ichmusssollwill
    dumusstsollstwillst
    er/ sie/ esmusssollwill
    wirmüssensollenwollen
    ihrmüsstsolltwollt
    sie/ Siemüssensollenwollen

    Impieghi dei verbi modali

    Quando si utillizzano i verbi modali, i verbi "gehen" e "sprechen" (nel caso in cui si faccia riferimento all'abilità di saper parlare una lingua) possono essere omessi, in particolare nel linguaggio informale.

    Dürfen

    Il verbo "dürfen" serve ad esprimere:

    1. la presenza o mancanza di permesso altrui nel fare qualcosa:
      • Darf ich Ihnen eine Frage stellen? (Posso farle una domanda?)
      • Hier darf man nicht parken. (Qui non si può parcheggiare)
      • Jetzt dürfen Sie nach Hause (gehen). (Ora può/ potete andare a casa)
    2. una possibilità quasi remota:
      • Das dürfte genügen. (Potrebbe bastare)
      • Es dürfte mehr geben. (Potrebbe essercene ancora)

    Können

    Il verbo "können" si traduce con un "potere" generico. Esso viene impiegato per esprimere:

    1. un permesso, similmente a "dürfen", ma in maniera meno formale:
      • Kann ich ins Klo? (Posso andare in bagno?)
    2. una possibilità oggettiva:
      • Kann sein. (Può essere)
      • Manchmal kann das Leben schwierig sein. (A volte, la vita può essere dura)
    3. una capacità fisica:
      • Wir können Italienisch (sprechen). (Noi sappiamo parlare italiano)
      • Kannst du diese Kiste tragen? (Riesci a protare questa cassa?)

    Mögen

    Il verbo "mögen" può esprimere:

    1. gradimento in qualcosa o nel fare qualcosa:
      • Er mag keine Tiere. (Non gli piacciono gli animali)
      • Magst du mit deinen Freunden nicht ausgehen? (Non ti piace uscire con i tuoi amici?)
    2. una possibilità reale derivata da una supposizione (meno forte di "können"):
      • Es mag sein, dass du recht hast. (Può darsi che tu abbia ragione)
      • Es mag schon sein, dass sie sich noch nicht aufgewachen ist. (Può anche essere che non si sia ancora svegliata)
    3. un desiderio (va impiegato al Konjunktiv II):
      • Wir möchten Pizza essen gehen. (Vorremmo andare a mangiare la pizza)
      • Sie möchte eine Spaziergang mit dir machen. (Lei vorrebbe fare una passeggiata con te)

    Müssen

    Il verbo "müssen" significa "dovere". Viene impiegato per indicare:

    1. una necessità oggettiva:
      • Wenn du Geld willst, musst du arbeiten. (Se vuoi i soldi, devi lavorare)
      • Wenn wir rechtzeitig ankommen wollen, müssen wir schneller fahren. (Se volgiamo arrivare in tempo, dobbiamo andare più veloci)
    2. una doverosità derivata dalla propria volontà:
      • Wir müssen jetzt gehen. (Dobbiamo andare ora)
      • Ich muss es unbedingt schaffen. (Devo farcela assolutamente)
    3. un obbligo morale derivato dalle norme sociali comuni:
      • Man muss höflich sein. (Si deve essere gentili)
      • Du musst all die Geschenke annehmen. (Devi accettare tutti i regali)
    4. una supposizione personale:
      • Der Film muss interessant sein. (Il film deve essere interessante)
      • Die Reise muss viel Spaß gemacht haben. (Il viaggio deve essere stato molto divertente)

    La supposizione è personale nel senso che, ad esempio, ho visto il trailer del film oppure delle foto riguardanti il viaggio ed esprimo una mia supposizione su di essi.

    Sollen

    Anche sollen si traduce con "dovere", tuttavia ha un significato diverso rispetto a "müssen". In questo caso la doverosità scaturisce dalla volontà altrui. Serve quindi ad esprimere:

    1. un ordine o un incarico:
      • Ich soll den Auftrag bis heute erledigen. (Devo completare il lavoro entro oggi)
      • Sie sollen das ganze Büro aufräumen. (Devono riordinare l'intero ufficio)
    2. una supposizione derivata dal giudizio altrui:
      • Der Film soll interessant sein. (Il film deve essere interessante)
      • Die Reise soll viel Spaß gemacht haben. (Il viaagio deve essere stato molto divertente)

      In questi esempi è implicato che qualcuno mi ha raccontato del film o del viaggio, mi fido, e riferisco a qualcun'altro tale giudizio.

    3. un consiglio (va impiegato al Konjunktiv II):
      • Was solltet er machen? (Cosa dovrebbe fare?)
      • Du solltest dich bei ihm entschuldigen. (Dovresti scusarti con lui)

    Wollen

    Il verbo "wollen" significa "volere":

    • Was wollt ihr machen? (Cosa volete fare?)
    • Er wollte nochmal versuchen. (Voleva provare di nuovo)

    "Ersatzinfinitiv" e tempi composti

    Con "Ersatzinfinitiv", letteralmente "infinito sostituto", si fa riferimento al fenomeno in cui si utilizza l'infinito al posto del participio passato. Questo accade quando un verbo modale, anziché riferirsi ad un sostantivo, si riferisce ad un altro verbo:

    • Er hat ins Kino nicht gehen wollen. (Non è voluto andare al cinema)
    • Wir haben das machen sollen. (Lo abbiamo dovuto fare)
    • Ich hatte ihm nicht helfen können. (Non l'avevo potuto aiutare)

    Coniugazione dei verbi modali

    Per vedere come proseguire le varie coniugazioni controllare "Il presente indicativo in tedesco", "Il Präteritum in tedesco", "Il Konjunktiv II in tedesco" e "L' imperativo in tedesco".

    Coniugazione dürfen
    TempoPersonaConiugazione
    Presenteichdarf
    dudarfst
    erdarf
    Präteritumich/ erdurfte
    Konjunktiv IIich/ erdürfte
    Imperativ(du)-
    (ihr)-
    Partizip IIgedurft
    Ausiliarehaben
    Coniugazione können
    TempoPersonaConiugazione
    Presenteichkann
    dukannst
    erkann
    Präteritumich/ erkonnte
    Konjunktiv IIich/ erkönnte
    Imperativ(du)-
    (ihr)-
    Partizip IIgekonnt
    Ausiliarehaben
    Coniugazione mögen
    TempoPersonaConiugazione
    Presenteichmag
    dumagst
    ermag
    Präteritumich/ ermochte
    Konjunktiv IIich/ ermöchte
    Imperativ(du)-
    (ihr)-
    Partizip IIgemocht
    Ausiliarehaben
    Coniugazione müssen
    TempoPersonaConiugazione
    Presenteichmuss
    dumusst
    ermuss
    Präteritumich/ ermusste
    Konjunktiv IIich/ ermüsste
    Imperativ(du)-
    (ihr)-
    Partizip IIgemusst
    Ausiliarehaben
    Coniugazione sollen
    TempoPersonaConiugazione
    Presenteichsoll
    dusollst
    ersoll
    Präteritumich/ ersollte
    Konjunktiv IIich/ ersollte
    Imperativ(du)-
    (ihr)-
    Partizip IIgesollt
    Ausiliarehaben
    Coniugazione wollen
    TempoPersonaConiugazione
    Presenteichwill
    duwillst
    erwill
    Präteritumich/ erwollte
    Konjunktiv IIich/ erwollte
    Imperativ(du)-
    (ihr)-
    Partizip IIgewollt
    Ausiliarehaben

    Tabella riepilogativa

    I verbi modali in tedesco
    VerboTraduzioneEsprime
    dürfenpoterepresenza o mancanza di permesso altrui nel fare qualcosa; possibilità quasi remota
    könnenpoterepermesso, similmente a "dürfen", ma in maniera meno formale; possibilità oggettiva; capacità fisica
    mögenpiacere/ essere probabilegradimento in qualcosa o nel fare qualcosa; possibilità reale derivata da una supposizione (meno forte di "können"); desiderio (va impiegato al Konjunktiv II
    müssendoverenecessità oggettiva; doverosità derivata dalla propria volontà; obbligo morale derivato dalle norme sociali comuni; supposizione personale
    sollendovereordine o incarico; supposizione derivata dal giudizio altrui; consiglio (va impiegato al Konjunktiv II)
    wollenvolerevolontà