Analisi Lingue

La proposizione principale (analisi del periodo)

Introduzione

L' elemento fondamentale di ogni periodo è la proposizione principale, che è indipendente, nel senso che può esistere autonomamente. Le proposizioni principali non sono introdotte da elementi di collegamento come congiunzioni o avverbi. Ad esempio:

  • Ho comprato un telefono nuovo.
  • Domani non vado a lezione.

La proposizione prinicipale può fungere da perno ad eventuali proposizioni coordinate e/o subordinate, caso in cui si chiama "proposizione reggente":

  • Ho preso la macchina, così da arrivare in orario all'appuntamento.
  • È quasi ora di cena, ma non ho fame.

A seguire le sei tipologie di proposizione principale.

Proposizione enunciativa

È detta enunciativa, o assertiva, una proposizione che esprime meramente dei fatti:

  • Piove.
  • L' altro giorno c'è stata una scossa di terremoto.
  • Prima ho visto Marghe' al parco.

Proposizione interrogativa diretta

Una proposizione interrogativa diretta è una domanda diretta (ha cioè il punto interrogativo in fine di frase):

  • Come ti chiami?
  • Come mai oggi non ti sei presa il sushi?
  • Dove devi andare?

Proposizione volitiva

Si dice volitiva una proposizione che esprime un divieto o un' esortazione:

  • Vattene.
  • Vietato fumare.
  • Abbi pazienza.

Proposizione desiderativa

Una proposizione desiderativa esprime un desiderio:

  • Magari fosse capitato a me!
  • Vorrei andare alla festa io.
  • Che vi vada tutto bene!

Proposizione esclamativa

Una proposizione è detta esclamativa quando presenta il punto esclamativo:

  • Vattene allora!
  • Ma dai!
  • Non mi dica!

Le proposizioni di tipo esclamativo possono coincidere con le volitive e le desiderative.

Proposizione dubitativa

Le proposizioni dubitative esprimono un dubbio generalmente in forma di domanda retorica:

  • Chi vincerà questa partita?
  • E ce la faremo?
  • Chissà se filerà tutto liscio.
Inizio pagina